Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Adidas e Puma: due brand nati dalla rivalità tra due fratelli

Just Knock

23/09/2016

Questa è la storia di Adidas e Puma, due tra i più famosi brand di abbigliamento sportivo, nati da una “guerra” familiare tra i fratelli Dassler: Aldolf, la mente, introverso e scanovista e Rudolf, il commerciale estroverso. 

Nel 1920 Adolf deciso di fabbricare scarpe sportive nel cortile-lavanderia di casa sua insieme al fratello Rudolf e al padre Christoph che aveva lavorato in una fabbrica di scarpe, nacque cosi la Gebrüder Dassler Schuhfabrik, un’azienda che divenne subito un riferimento per le calzature sportive in Germania.

Oltre alla qualità, ciò che li rese famosi fu la differenziazione, infatti furono tra i primi a creare scarpe diverse sia per corse di fondo che per sprinter.

Nel 1936 l’azienda visse un grande periodo di splendore grazie a Jesse Owens che vinse 4 medaglie d’oro alle Olimpiadi di Berlino indossando scarpe fornite dai Dassler

Con lo scoppio della seconda guerra mondiale iniziò anche il dissidio tra i fratelli perchè Rudolf partì per il fronte mentre Adolf convertì la fabbrica alla produzione di bazooka per l’esercito tedesco. 

Finita la guerra Rudolf decise di abbandonare l'azienda e fondare nel 1948 una propria compagnia di calzature sportive che inizialmente chiamò RUDA, dalla iniziali del suo nome, per poi cambiarlo in PUMA.

Nel frattempo Adolf tornò alla produzione di scarpe per fare concorrenza al fratello, utilizzando anche lui le iniziali del suo nome per chiamare la cosietà: ADIDAS.

Adidas inizialmente riesce ad affermarsi con maggiore forza, infatti nel 1956, in occasione delle Olimpiadi di Melbourne, Horst Dassler, figlio di Adolf, regalò i prodotti a numerosi atleti che li indossarono durante le gare, una grande innovazione perché fino a quel momento gli atleti dovevano acquistare il materiale sportivo in autonomia.

Puma tornò sotto i riflettori quando, nel 1970, il figlio di Rudolf ingaggiò Pelé per i Mondiali in Messico chiedendogli di allacciarsi le scarpe prima del fischio di inizio, in modo che il brand fosse in mondovisione. 

 

 

La rivalità non fu soltanto a livello lavorativo, ma riguardò tutta la cittadina sede delle due compagnia infatti non c’erano matrimoni tra persone che lavoravano in Adidas e quelle che lavoravano per Puma, mentre nei pub leali a uno dei marchi rifiutavano di servire da bere a chi indossava prodotti del brand rivale. 

Oggi Puma ed Adidas hanno una gestione meno familiare, l’ascia di guerra dovrebbe essere stata sepolta se non fosse che l’unico Dassler rimasto è Frank Dassler, nipote di Rudolf che però lavora per ADIDAS.

 

       



Se puoi sognarlo puoi esserlo: a 60 anni Barbie insegna ancora a sognare in grande


Just Knock


08/03/2019

Combattere lo stress in azienda con la mindfulness



05/02/2019

Cosa regalare ai colleghi per natale? I 10 regali perfetti per ogni ruolo



20/12/2018
Just Knock S.r.L. - P.I. IT 08772940964 - info@justknock.it