Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

Assumere un candidato senza incontrarlo

Just Knock

07/05/2020

Molte imprese hanno deciso di bloccare o posticipare nuovi inserimenti a causa della situazione Covid-19 che rende più complesso se non impossibile incontrarsi. Ma l’on-boarding da remoto si può fare!

 

Perché la strategia di on-boarding è cosi importante?

Iniziare una nuova avventura professionale è da sempre uno dei momenti di maggior coinvolgimento emotivo per un lavoratore. Si tratta di affrontare in se stessi emozioni contrastanti: da un lato, il dispiacere causato dal lasciare i vecchi colleghi, dall’altro l’entusiasmo e il desiderio di scoprire un mondo e delle persone nuovi.

Il primo giorno di lavoro nella nuova azienda assume quindi un’importanza da non sottovalutare: per il nuovo dipendente quel giorno servirà a familiarizzare con i colleghi, con una nuova metodologia di lavoro, con gli strumenti e con le consuetudini che si sono consolidate nel tempo (il solito posto di ritrovo in pausa pranzo, il caffè delle 11, etc).

Generalmente, l’azienda provveda ancor prima dell’ingresso in ufficio del nuovo dipendente a organizzare nel dettaglio il suo arrivo.

Quello che ci si chiede è se fosse possibile per le aziende, considerato il momento particolare che stiamo vivendo, organizzare un on-boarding anche da remoto. Un aiuto concreto è sicuramente offerto dalla tecnologia.

 

Scaletta e strumenti di Digital on-boarding.

Generalmente, quando un nuovo dipendente si accinge a entrare nella squadra, l’azienda definisce la scaletta degli appuntamenti del primo giorno: presentazione dei nuovi colleghi, espletamento di tutte le pratiche burocratiche, introduzione agli strumenti (sia operativi che di organizzazione del lavoro del team), indicazione degli orari da seguire e illustrazione dei prossimi eventi previsti nel calendario.

Grazie alle piattaforme digitali, tutte le funzioni descritte sono facilmente replicabili da remoto.

Ad esempio, tutti i colleghi possono organizzare dei brevi meeting durante i quali presentarsi, un tutor può illustrare in video conferenza quali strumenti utilizzare e come, attraverso le mail è possibile compilare i documenti amministrativi da inoltrare alle risorse umane e, per prendere confidenza con le abitudini del team, è possibile organizzare una pausa caffè o una pausa pranzo virtuale.

Per permettere di vedere gli uffici ai neo assunti o ai potenziali candidati si può ad esempio investire si un virtual tour 360° degli spazi che consente di esplorare in autonomia gli uffici ed incontrare virtualmente i colleghi (noi di Just Knock ad esempio ve lo possiamo realizzare!)

Con la stessa modalità, sarà possibile fornire i dati di accesso ai server, all’account personale, all’email, alla piattaforma di messaggistica interna e alla playlist di Spotify (può essere un’idea per conoscersi meglio).

Se le policy interne dell’azienda prevedono la consegna del kit di lavoro (borraccia, maglietta, zaino, pc) sarà possibile recapitare direttamente a domicilio il kit di benvenuto.

Infine, non bisogna dimenticare di far conoscere le policy aziendali, le attività di Corporate Social Responsability e i valori e la cultura dell’azienda.

Emerge quindi che si, è possibile procedere all’onboarding anche da remoto. E’ chiaro che si tratti di una situazione straordinaria, legata a un evento estremamente eccezionale, e che nulla potrà mai sostituire un benvenuto caloroso con una pacca sulla spalla, una solida stretta di mano e un sorriso smagliante che presto torneremo a darci.

 

 

 

       

Linguaggio del corpo: gli errori da non fare a colloquio!


Just Knock


24/09/2020

È tempo di dire addio alle Università?


Just Knock


10/09/2020

I campanelli d'allarme di un colloquio andato male


Just Knock


03/09/2020
Just Knock S.r.L. - P.I. IT 08772940964 - info@justknock.it