Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CHIUDI

South Working: quando dalla crisi nascono opportunità

Just Knock

02/07/2020

Introduzione

Sarebbe utopico immaginare per un ragazzo siciliano di trovare lavoro in una metropoli del Nord, ma di avere allo stesso tempo la possibilità di lavorare direttamente da casa sua a Palermo?

Oppure, sarebbe così fantasioso pensare a una ragazza dell’hinterland milanese trasferirsi in Puglia pur continuando a lavorare per la sua azienda sita nel cuore di Milano?

Fino a qualche anno fa, nonostante i passi avanti compiuti da alcune aziende lungimiranti, sarebbe stato del tutto fuori luogo pensare a uno scenario del genere.

Invece, “grazie” anche alla pandemia che ha costretto in casa milioni di lavoratori e allo sviluppo tecnologico, qualcosa sembra muoversi.

Progetto

South Working è un progetto che è stato ideato proprio durante i mesi di lockdown da Elena Militello, palermitana di origini e ricercatrice con contratto a tempo indeterminato presso l’Università del Lussemburgo dove si occupa di procedura penale.

L’idea di Elena, supportata da altri venti professionisti under 30, tutti con alle spalle esperienze di ricerca e di lavoro all’estero, sarebbe quella di consentire ai lavoratori di decidere in accordo con la propria azienda da dove svolgere le proprie mansioni lavorative.

Più precisamente, permettere alle persone di lavorare per periodi più o meno lunghi dalle regioni del Sud Italia, rilanciarne il lavoro e l’economia e beneficiare quindi di un costo della vita sensibilmente più basso e di una qualità della vita più alta, il tutto mantenendo il proprio posto di lavoro in azienda.

In questi giorni, il team che sta lavorando al progetto sta tentando di evidenziarne la fattibilità, valutando gli aspetti legali, economici e anche infrastrutturali. Perché l’idea possa avere un futuro più o meno concreto servirebbe l’intervento di aziende, istituzioni, comuni interessati, consulenti, ingegneri, commercialisti per stilare delle linee guida operative che disciplinino il lavoro e la modalità di erogazione dello stesso.

Il progetto pilota coinvolgerà Palermo e Milano, distanti geograficamente, ma con alcune infrastrutture dedicate al coworking già disponibili.

Opportunità

A prescindere dal luogo di nascita, South Working potrebbe essere un’opportunità da cogliere per le aziende che hanno a cuore il benessere dei propri dipendenti, ma che potrebbe produrre degli effetti positivi soprattutto all’economia del Sud Italia. Un po' come è successo per la capitale portoghese Lisbona che, dal momento in cui è diventa l’hub europeo delle start up, ha visto rinascere la sua economia.

Al momento, South Working ha suscito interesse, ma da parte delle Istituzioni non si è compiuto alcun passo in avanti. Ma se diventasse realtà, saresti favorevole a trasferirti per un periodo al Sud per continuare il tuo lavoro a distanza? 

 

 

 

 

       

Linguaggio del corpo: gli errori da non fare a colloquio!


Just Knock


24/09/2020

È tempo di dire addio alle Università?


Just Knock


10/09/2020

I campanelli d'allarme di un colloquio andato male


Just Knock


03/09/2020
Just Knock S.r.L. - P.I. IT 08772940964 - info@justknock.it